Torna Artworks nella musica, e ci spostiamo in Irlanda, U2. Analiziamo Songs of Innocence. Pubblicato il 9 Settembre 2014 è il tredicesimo album in studio della band Irlandese. In un’intervista, il frontman Bono ha dichiarato come l’album sia molto “personale”, andando a trattare questioni quali la famiglia e i rapporti umani. Tale opera, peraltro, è l’inizio di un nuovo progetto di più ampio respiro che sfocerà in un ulteriore album denominato Songs of Experience.
La copertina dell’album ritrae il batterista del gruppo, Larry Mullen Jr, mentre si stringe attorno la vita del figlio, Aaron Elvis Mullen, come se lo stesse proteggendo. La foto è stata scattata da Glen Luchford. Bono ha dichiarato che la copertina “riflette le nuove canzoni e la loro ispirazione ai primi anni degli U2 da adolescenti a Dublino”. Il cantante ha poi concluso
« Gli U2 sono sempre stati come una comunità con famiglia e amici. Songs of Innocence è l’album più intimo che abbiamo fatto. Con questo disco stavamo cercando il grezzo, nudo e personale, per tornare all’essenziale. »